Il Crimine Non Va In Pensione: presentato il film di Fabio Fulco

scritto da: Gabriele Landrini

Alla Casa del Cinema di Roma, Fabio Fulco ha presentato il lungometraggio Il Crimine Non Va In Pensione, commedia corale dai tratti malinconici che vede per la prima volta il giovane divo dietro la macchina da presa. Accanto a Fulco, hanno presenziato gli interpreti Orso Maria Guerrini, Maurizio Mattioli, Giacomo Piperno e Silvana Bosi. Non sono mancati interventi anche dello sceneggiatore Fabrizio Quadroli e dei produttori Claudio Bucci e Rosa Chiara Scaglione.

Fabio Fulco ha presentato il lungometraggio Il Crimine Non Va In Pensione, commedia corale dai tratti malinconici che vede per la prima volta il giovane divo dietro la macchina da presa

Apparso molto emozionato, Fulco ha anzitutto ricordato il processo creativo della sceneggiatura e della messa in scena, evidenziando come l’idea di dirigere la pellicola lo abbia inizialmente spaventato: “Era un progetto a cui tenevo moltissimo, ma mi hanno dovuto convincere a realizzarlo perché ero preoccupato che il prodotto finale divergesse troppo da ciò che avevo in mente. Ho cercato tuttavia di vincere le mie paure e di affrontare questa sfida. Avevo alcune mancanze tecniche, quindi mi sono focalizzato sulla direzione degli attori, che era ciò che mi interessava maggiormente. Sono stato inoltre molto titubante all’idea di interpretare il protagonista: dapprima volevo cedere il ruolo per concentrarmi sulla regia, ma alla fine non c’è l’ho fatta perché il personaggio di Sasà era già diventato parte di me.

L’esordiente non ha negato che ci siano stati anche riferimenti al proprio presente e passato: “Ho cercato di trasmettere quello che vedevo negli occhi di mio padre e di mio nonno: le loro generazioni hanno vissuto la guerra e hanno lavorato in condizioni terribili, ma oggi sono spesso etichettate come inutili e quindi rilegate fuori dalla società. Io ho invece tentato di svelare la loro forza, che non diminuisce con l’avanzare degli anni. Soprattutto la colonna sonora pop vuole porsi come contraltare ritmico all’età anagrafica dei personaggi, permettendone quindi una caratterizzazione ulteriore.

il crimine non va in pensione 2

Il Crimine Non Va In Pensione: presentato alla stampa il film di Fabio Fulco

Accanto alle vicissitudini private, non si sono risparmiate influenze attinte dal bagaglio culturale e cinefilo di Fulco, che ha eletto Totò sua principale fonte di ispirazione: “Pellicole come La banda degli onesti o I Soliti Ignoti non sono solo evocate, ma omaggiate esplicitamente e volutamente: la scena del terrazzo credo sia molto significativa in questo senso. Quando poi ho avuto la conferma della partecipazione di Franco Nero, ho giocato anche con il fantasma degli spaghetti western e naturalmente con le riletture di Quentin Tarantino.

In uscita in 80 sale il 15 giugno 2017, la pellicola di Fulco ha rinunciato alle abituali prassi pubblicitarie per permettere – tramite prenotazione all’apposito centralino – la visione gratuita agli anziani over 70 e a eventuali accompagnatori under 20

Il cast si è poi detto entusiasta dell’aria respirata sul set e del prodotto finale. Se Piperno ha definito l’opera “un film pieno di grazie e di ironia”, Mattioli non ha trattenuto la sua incontrollabile verve comica, asserendo: “Io sono entrato a far parte del progetto perché ho ricattato il regista. Fabio mi parlò di questo ruolo e io lo obbligai a lasciarmelo interpretare: l’idea di incarnare un carrozziere infatti mi piacque immediatamente, perché così avrei potuto rivivere la mia gioventù e gli anni in cui ero costretto a riparare quotidianamente la mia scassata Fiat 500.

Il Crimine Non Va In Pensione è prodotto da Stemo Production e Event Horizon in collaborazione con AB Servizi e Consulenze, senza l’aiuto di finanziamenti statali oltre al Tax Credit della Regione Lazio. In uscita in 80 sale il 15 giugno 2017, la pellicola di Fabio Fulco ha inoltre rinunciato alle abituali prassi pubblicitarie per permettere – tramite prenotazione all’apposito centralino – la visione gratuita agli anziani over 70 e a eventuali accompagnatori under 20.

il crimine non va in pensione 1

Gabriele Landrini

Redattore | Perché il cinema non è solo un'arte, è uno stile di vita | Film del cuore: Gli Uccelli | Il più grande regista: Alfred Hitchcock | Attore preferito: Humphrey Bogart | La citazione più bella: "Vorrei non amarti o amarti molto meglio." (L'Eclisse)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Creazione Siti WebSiti Web Roma