La Battaglia dei Sessi: Jonathan Dayton e Valerie Faris presentano il film

scritto da: Joseph Crisafulli

All’interno dell’elegantissimo Westin Excelsior Hotel di Roma, i due registi Jonathan Dayton e Valerie Faris (Little Miss Sunshine) hanno presentato alla stampa il loro nuovo film La Battaglia dei Sessi, con protagonisti Emma Stone e Steve Carell.

Interrogati sulla parte più specificatamente sportiva del film, Jonathan Dayton dichiara “Era molto importante rappresentare nella maniera giusta e corretta il gioco del tennis. Abbiamo studiato con attenzione la partita di Billie Jean King contro Bobby Riggs. Emma Stone e Steve Carell si sono allenati duramente, ma abbiamo dovuto comunque utilizzare delle controfigure, ma anche per loro non è stato facile, poiché hanno dovuto replicare lo stile di gioco del 1973, che è molto differente da quello odierno.

Per quanto riguarda la fotografia, che riprende molto bene lo stile degli anni ’70, Valerie Faris rivela: “Abbiamo avuto la fortuna di girare su pellicola 35mm. Per noi era importante dare al film il giusto aspetto e il mood degli anni ’70. Ci piaceva questa idea e ci piace girare in pellicola, nonostante i limiti di tempo del girato della bobina, ma questo ci è servito sicuramente ad essere ancora più concentrati. Inoltre abbiamo potuto anche utilizzare obbiettivi e zoom prodotti negli anni ’70.” Parlando del cast e della scelta dei protagonisti, il regista spiega: “Emma Stone e Steve Carell sono stati immediatamente le nostre prime scelte.

Valerie Faris: “Tutte le scene di tennis giocato sono tutte vere, non ci sono palle generate al computer.

Parlando del personaggio di Bobby Riggs nello specifico, Dayton aggiunge: “Viviamo in un periodo in cui siamo abituati a puntare immediatamente il dito contro il nemico, siamo in un mondo molto polarizzato. Noi abbiamo seguito la filosofia di Billie Jean King, la quale rispetta il suo avversario, non sottovaluta le sue capacità. Volevamo inoltre rappresentare anche come la King e Riggs siano poi diventati amici.Valerie Faris dichiara inoltre: “Ci siamo fatti aiutare da un consulente tennistico, anche lo stesso allenatore di Bobby Riggs ci ha aiutato molto. Tutte le scene di tennis giocato sono tutte vere, non ci sono palle generate al computer.

la battaglia dei sessi

La Battaglia dei Sessi: Jonathan Dayton e Valerie Faris presentano il film

Riguardo alla difficoltà di ottenere un equilibrio tra la biografia di Billie Jean King e il discorso sulla parità dei sessi, la regista ci dice: “Quello che ci ha tirato in questa storia è sicuramente la storia personale di Billie Jean King e l’intreccio tra le sue vicende personali (il matrimonio, la sua sessualità ecc.) e la sua volontà di ottenere l’equità di salario per tutte le sue colleghe donne. Inoltre volevamo attirare un pubblico più ampio, volevamo che il film fosse un film di intrattenimento che sviluppasse a posteriori un pensiero sulle questioni trattate.

Jonathan Dayton: “Il film non parla solo di tennis, ma parla di Bobby, di Billie Jean e della sua omosessualità, e soprattutto dell’amore.

Il regista inoltre aggiunge: “Bisognava trovare un equilibrio. Il film non parla solo di tennis, ma parla di Bobby, di Billie Jean e della sua omosessualità, e soprattutto dell’amore.” Riguardo alla discrepanza di parità di genere negli Stati Uniti, il regista spiega: “Siamo ancora ben lontani dal raggiungimento della parità purtroppo. Di strada ne è stata fatta invece sui rapporti omosessuali, sebbene ancora molte figure pubbliche non hanno il coraggio di esprimere liberamente la propria sessualità, nonostante i progressi fatti.” I due registi infine concludono con una promessa: “Cercheremo di fare un prossimo film tra 4 anni, invece che aspettare i nostri canonici 5!

La Battaglia dei Sessi (qui la nostra recensione) uscirà nelle nostre sale il 19 ottobre.

la battaglia dei sessi

Joseph Crisafulli

Redattore | Parcheggiato davanti alla tv, ancora sto lì | Film del cuore: C'Eravamo Tanto Amati | Il più grande regista: Alfred Hitchcock | Attore preferito: Jim Carrey | La citazione più bella: "A Baseball? Ecco, quello si che è uno sport. E dopo aver provato anche quello che altro vuoi fare... volare???" (Space Jam)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Creazione Siti WebSiti Web Roma