Box Office USA: Glass e The Upside ancora ai piani alti

scritto da: Gabriele Landrini

Il Box Office USA del 28 gennaio 2019. Riportiamo di seguito, grazie al prezioso contributo di Box Office Mojo, i dati relativi ai film più visti in America nel weekend dal 25 al 27 gennaio 2019.

Nessuna nuova entrata ai piani alti del box office americano del weekend, che di poco cambia rispetto alla settimana scorsa. Alla sua seconda settimana sugli schermi a stelle e strisce, Glass (qui la nostra recensione), ovvero il terzo capitolo della trilogia firmata da M. Night Shyamalan, si conferma in vetta, con un guadagno di $19,049,000 e una discreta media per sala, pari a $4,956 (per 3,844 schermi, 3 in più di sette giorni fa). Dato il budget produttivo di $20,000,000 (da cui sono escluse le probabilmente non troppo eccessive spese di marketing), la pellicola è già un successo: l’incasso totale è di $73,589,135, che diventano $162,689,135 worldwide. Ad ogni modo, da contro è impossibile non notare il drastico calo rispetto al precedente box office: Glass ha visto infatti diminuire i profitti ben del -52.8%.

Tutt’altra storia per The Upside, remake americano con Nicole Kidman del francese Quasi Amici. Dopo un weekend sul gradino più alto e uno al secondo posto, il lungometraggio diretto da Neil Burger riesce a confermare la seconda posizione, accontentandosi della medaglia d’argento ma subendo una flessione quasi impercettibile. Nonostante in questi tre giorni abbia incassato $12,240,000, che diventano $63,144,846 sommando quelli precedenti, il lungometraggio targato STX ha perso solo -18.4% dei profitti, vedendo anche crescere il numero delle sale di 57 unità (arrivando quindi a 3,377 schermi). Dati questi elementi e tenendo conto del budget di partenza di $37,500,000, la pellicola si può ritenere un successo stabile, che si sta gradualmente trasformando in una sleeper hit.

Riesce a imporsi nuovamente sul podio Aquaman (qui la nostra recensione), ultimo cinecomic DC ormai alla sesta settimana di programmazione. Se la casa di produzione di Superman & co. ha avuto successi altalenanti al box office, non si può dire che con il lungometraggio dedicato al supereroe acquatico non abbia fatto centro: con un budget produttivo di circa $200,000,000 – che si duplica calcolando le spese pubblicitarie -, il film di James Wan ha attualmente incassato $316,554,074 negli Stati Uniti e ben $774,200,000 sul mercato estero. Superato il tanto agognato miliardo worldwide (per l’esattezza è a quota $1,090,754,074), Aquaman è il più alto incasso DC da un punto di vista internazionale. Dopo l’ottimo riscontro di Wonder Woman e quello terribile di Justice League, il franchise sembra finalmente pronto a decollare.

Due new entries si trovano invece ai piani più bassi. Delude Il Ragazzo che Diventerà Re, film per ragazzi che, con un budget di $59,000,000, non riesce a superare i $7,250,000 (con una terribile media per sala di $2,059), posizionandosi solo quarto. Ancora peggio Serenity, con la coppia Matthew McConaughey e Anne Hathaway, che debutta all’ottavo posto con $4,800,000 e una media di $1,874; sembra che i due divi non abbiano convinto il pubblico. Nota positiva, come sette giorni fa, per Spider-Man: Un Nuovo Universo che, dopo sette settimane, riesce a mantenersi ancora saldo in quinta posizione, con una flessione di appena -18.8%.

Gabriele Landrini

Redattore | Perché il cinema non è solo un'arte, è uno stile di vita | Film del cuore: Gli Uccelli | Il più grande regista: Alfred Hitchcock | Attore preferito: Marcello Mastroianni | La citazione più bella: "Vorrei non amarti o amarti molto meglio." (L'Eclisse)


Siti Web Roma