Halloween: l’incubo Michael Myers torna al cinema a 40 anni dall’originale

scritto da: Ludovica Ottaviani

Michael Myers è pronto a tornare al cinema nel nuovo Halloween, un atipico sequel (già, niente remake!), diretto discendente dell’originale realizzato nel 1978 da John Carpenter; questa volta il film è diretto da David Gordon Green e prodotto dalla Blumhouse di Jason Blum insieme a Malek Akkad.

E per un Michael Myers, pericoloso e assetato di sangue, che torna c’è naturalmente una Laurie Strode che lo aspetta per affrontarlo: in questo nuovo capitolo a tornare negli iconici panni è anche l’attrice Jamie Lee Curtis, che da innocente ragazza vergine e intellettuale alle prese con un pazzo psicotico si ritrova, dopo 40 anni, nei panni della vendicatrice solitaria emarginata dalla società ma pronta a sconfiggere finalmente i propri demoni.

L’incubo Michael Myers torna al cinema dal 25 ottobre con il nuovo attesissimo capitolo della saga di Halloween

Dopo 40 anni dai brutali omicidi compiuti da Myers (Nick Castle), il maniaco che uccide indossando la maschera del capitano Kirk è pronto a tornare, dopo essere evaso da un istituto psichiatrico di massima sicurezza. Tutti nella cittadina sembrano aver dimenticato i suoi brutali omicidi a parte Laurie Strode (Jamie Lee Curtis), che non ha superato il trauma e vive emarginata da sua figlia Karen (Judy Greer) e da sua nipote Allyson (Andi Matichak), in attesa del confronto finale con quell’uomo che le ha rovinato l’esistenza.

Il primo Halloween  è entrato di diritto nella schiera dei cult movie, anche grazie alla mitologia sorta intorno al film: in un clima pionieristico, la pellicola fu girata in 20 giorni con un budget irrisorio e uno spirito libero alla base proprio del progetto. Con una piccola produzione, riprese veloci e il minimo sindacale garantito per tutti, Carpenter accettò di dirigerlo strappando ai produttori il diritto al Final Cut e ad avere il proprio nome prima dei titoli.

halloween

Anche la scelta della protagonista fu travagliata: il regista voleva un’attrice avvistata ne Lo Squalo 2 ma costava troppo. Così optò per la Curtis, figlia d’arte che all’epoca era semplicemente una spensierata cheerleader e che si ritrovò a confrontarsi con un ruolo complesso e generazionale, che determinò la percezione e la fruizione della figura della Scream Queen nel genere. Per altre curiosità legate alla prima, immortale, versione di Halloween potere leggere il nostro articolo dedicato proprio ai segreti del film.

Oggi, nel nuovo Halloween, le cose sono leggermente diverse ma lo spirito con il quale si sono approcciati produttori, regista e sceneggiatori (lo stesso Green con il sodale Danny McBride) è lo stesso: la finalità del progetto è quella di creare una continuità con l’originale, riprendendone in parte la trama (tutto ciò che è accaduto nei vari sequel e remake è stato quindi annullato) ma soprattutto l’estetica, tra scene analoghe e movimenti di macchina che strizzano l’occhio a quelli originali.

halloween

Il nuovo Halloween coprirà un arco narrativo di due giorni, vedrà riunirsi sul grande schermo la coppia formata da Jamie Lee Curtis e Nick Castle (l’uomo dietro la maschera di Myers), ma soprattutto segnerà un ritorno alla origini in grande stile per l’horror contemporaneo: sia Green che Blum (e soci) sono d’accordo nel tornare alle radici dello slasher gore più puro, lontano dalla derive torture porn che hanno regalato fin troppa violenza gratuita sul grande schermo. La parola chiave, per tutti, è sempre la stessa: restare fedeli all’Halloween originale, un cult movie ammirato e amato fin dal 1978.

Ludovica Ottaviani

Redattrice | Imbrattatrice di sudate carte a tempo perso, irrimediabilmente innamorata della settima arte da sempre | Film del cuore: Lo Chiamavano Jeeg Robot | Il più grande regista: Quentin Tarantino | Attore preferito: Gary Oldman | La citazione più bella: "Le parole più belle al mondo non sono Ti Amo, ma È Benigno." (Il Dormiglione)


Siti Web Roma